8 anni dopo… Babylon 5 come non l’avevamo vista

Telenauti 3: Babylon 5Se c’è un genere notoriamente bistrattato nel nostro paese questo è la fantascienza. Slot televisivo preferito dalle TV generaliste è sempre stato quello notturno, Babylon 5 ha anche goduto di una messa in onda schizofrenica dalla RAI (mica l’ultima delle emittenti). Le prime due stagioni invertite, la terza sa la sono dimenticata e le ultime due in ordine, un doppiaggio discutibile è stato la ciliegina su una torta indigesta anche a chi la fantascienza la seguiva abitualmente. Molti hanno seguito la serie in originale, nel giusto ordine e recitata come si deve, chi l’inglese non lo capiva ha dovuto sperare in un miracolo.

Quest’anno San Giusto (Toni) ce lo ha concesso: Babylon 5 viene trasmessa su Jimmy ogni lunedì alle 21, nel giusto ordine con il doppiaggio delle prime tre stagioni rifatto e con tutti gli episodi in ordine. Alleluja!

In Italia però ci sono molti fans che la serie la conoscono e questo rifiorire li porterà allo scoperto, sui forum si tornerà a parlare delle vicende narrate e chi è rimasto indietro si troverà a dribblare anticipazioni o a doversi districare tra commenti altamente soggettivi tipici di forum e similari.

La soluzione (o meglio, una delle soluzioni) per cui ho optato io è il libro in fotografia: il terzo volume della collana I Telenauti di Delos Books, scritto da Luigi Rosa, noto ai Trekker della Penisola per Hypertrek, ci guida per le cinque stagioni, spin-of e film TV, di quella che può considerarsi l’antitesi di Star Trek a livello sia ideologico che realizzativo.

La prima cosa che salta all’occhio nelle prime pagine, superata la prefazione di Angelica Tintori, è uno SPOILER WARNING grande quanto B5 stessa. Siamo stati avvisati, se le anticipazioni ci danno fastidio meglio continuare di pari passo alla messa in onda di Jimmy; per me, che considero uno spoiler letto come un tramonto raccontato a voce (vederlo è tutt’altra cosa), il problema non si pone e mi sono tuffato nella lettura della guida.

L’analisi della serie procede per stagioni con i compendi critici, riferiti alla serie in generale, disseminati uno per stagione; curiosi i due box con le similitudini con DS9. Le traduzioni dei dialoghi riportati nella guida agli episodi sono dello stesso autore, non potendo usare quelle nuove; i dialoghi citati sono per la maggior parte quelli di Susan Ivanova, evidentemente il personaggio con le battute (e il carattere) più taglienti, seguono a ruota quelli della coppia Londo Mollari/G’Kar, altro fulcro narrativo della serie. I film TV, aggiunte al grande affresco delle cinque stagioni della serie principale, sono trattati rapidamente nel penultimo capitolo e ci viene detto qualcosa anche su The Lost Tales: serie di DVD Movie attualmente in produzione; l’ultimo capitolo è per l’incompiuta Crusade.

Babylon 5 è una serie fatta tutta ad archi narrativi strettamente intrecciati tra loro e la guida collega tutti i dettagli seminati nei vari episodi rendendo chiara la visione d’insieme (e qui si colloca la metafora del tramonto raccontato di sopra), facendo sì che chi salti qualche episodio o proprio non ha memoria per i dettagli non perda le sfumature (Speriamo che i DVD nuovi non si facciano attendere troppo).

Chi la serie la sta rivedendo troverà in questa guida un veloce strumento per ripassare i vari elementi costitutivi dell’universo di Straczynski oltre all’elenco di libri, fumetti e colonne sonore.

Babylon 5 ci dovrebbe tener compagnia per i prossimi cinque anni, tornerò certamente a parlarne in futuro, adesso penso a guardarmene una stagione prima di trarre le mie conclusioni, stando a quanto letto dovrebbe piacermi.

4 pensieri su “8 anni dopo… Babylon 5 come non l’avevamo vista

  1. Quadrilatero
    Mozilla Firefox 2.0.0.2 Windows XP

    La prima stagione, come sempre, parte piano e le puntate degne di nota IMO sono pochine.
    Ma non demordere! Sarei curioso di rivedermi la puntata su Babylon 4, che con il vecchio doppiaggio non si capiva nulla!

    Rispondi
  2. sheldonpax
    Mozilla Firefox 2.0.0.3 Mac OS X Mach

    E chi demorde, direi che di puntate interessanti ce ne sono state e Londo ormai m’incuriosisce. Tu l’hai vista tutta o hai visto la “RAI Version”?

    Rispondi
  3. Quadrilatero
    Mozilla Firefox 2.0.0.2 Windows XP

    RAI version purtroppo. Se ti piacciono queste prime puntate sei a cavallo! Molto a cavallo!
    Un personaggio per me fantastico è Lennier. Davvero piatto invece il capitano Sinclair, ma verrà presto sostituito dal grande Sheridan.
    Ivanova non è male, ma il fatto che non abbia concluso con la quinta stagione me l’ha fatta scendere di posizioni. Grandi anche Garibaldi, G’Kar, Londo, Vir e Marcus Cole (che però ho visto davvero poco).

    Rispondi

Commentando si acconsente al Trattamento ai sensi dell’art. 23 D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.