Esempi di ignoranza (scientifica) pericolosa

File:Chimera_di_ArezzoA volte capita di ascoltare o leggere delle assurdità tali da non voler credere che qualcuno le abbia dette/scritte/fatte, ammesse con la più candida innocenza di chi non dice (o fa) nulla di male, anzi vantandosene ai quattro venti. Il più delle volte si passa oltre con leggero imbarazzo (o divertimento) per chi capisce la portata dell’affermazione, altre volte il facepalm è d’obbligo così come gli si risparmia un sonoro vaffa solo per educazione!

Un primo esempio deriva da una storpiatura di uno slogan di sensibilizzazione per la giornata mondiale dedicata alla sindrome di Down. Da “Keep Calm It’s only an extra chromosome” qualche VIP ha fatto l’arrampicata sugli specchi che non avrebbe dovuto fare. In TV (non ricordo dove, purtroppo) ho sentito la cazzata delle cazzate: “Capito, loro hanno un cromosoma in più. Hanno una cosa in più non in meno rispetto a noi. Sono meglio!” Qualcuno gli spieghi che è proprio quel cromosoma in più a provocare lo scompenso genetico che fa guai e che un domani, quando si saprà come fare, bisognerà eliminarlo. Stiamo parlando di una degenerazione genetica non degli X-Men. Ciò detto discriminare qualcuno per alcune difficoltà che incontra a fare cose che ad altri riescono meglio è sbagliato, ma purtroppo, discriminazione e quella difesa politically correct sono figlie della stessa madre. C’è di buono che su Internet non ne ho trovato traccia, per cui non è diventato il meme che temevo, vedremo l’anno prossimo.

Esempio che danni ne ha fatti (e tanti) causata eco mediatica spropositata è la storia della piccola Sofia. Hano buttato sul singolo caso umano  un argomento ben più vasto che avrebbe ben altri casi umani che per la “felice” soluzione di questo potrebbero entrare in una spirale di fiducia mal riposta aspettative verso un protocollo che potrebbe essere più dannoso che risolutivo e che il Ministero, spinto dall’opinione pubblica ha avvalorato in spregio a tutte le cautele scientifiche, che dovrebbero essere quelle che mostrano la strada maestra. Trovate due articoli che spiegano meglio di quanto potrei fare io qui e qui, con finale ministeriale qui. Capite che questo modo di agire farà felici due genitori ma potrebbe renderne infelici molti altri (anche un po’ incazzati, spero), che se una terapia non funziona, anche se in un caso sembra avere dei risvolti positivi bisogna capire cosa rende differente il singolo caso piuttosto che avvalorare una terapia fallace il cui protocollo fa acqua da tutte le parti. Oltre tutto, se al posto dei piccoli malati ci fosero cani e altri animali che si usano in laboratorio, sai le levate di scudi verso le pratiche crudeli!

Tutto questo perchè si parla di scienza con competenze gossippare in cui 2 + 2 = 5 se ai pubblicitari (con accezione ampia del termine) piace così

4 pensieri su “Esempi di ignoranza (scientifica) pericolosa

  1. Hytok
    Mozilla Firefox 19.0 Windows XP

    Io non ti capisco: la bimba aveva poche settimane di vita senza quella cura, perchè non dargliela? Boh…

    Rispondi
    1. sheldonpax
      Unknown browser

      Perché, per quanto ne sanno, non avrebbe cambiato di molto la situazione, perché se avvalori un protocollo clinico come quello poi altri se lo vedranno propinare pensando sia una sperimentazione fatta con tutti i crismi e così non è.
      Sono un tifoso delle staminali, ma non per questo ammetto questo tipo di giochetti

      Rispondi
    1. sheldonpax
      Google Chrome 31.0.1650.57 Mac OS X 10.9.0

      Leonardo,

      Scusa se ho tolto il link al tuo documento complottista. Per quanto mi riguarda TU puoi credere a quello che ti pare più giusto, ma non puoi chiedere (implicitamente, tramite la sua pubblicazione) a me di divulgare un documento che va totalmente contro a quello che credo io. Non ti vengo a dire di leggerti “Luna, si ci siamo andati” di Paolo Attivissimo, o documenti del CICAP, a cui solo associato. Scusa ma sono uno di quelli che, quando Armstrong è morto, ho quasi pianto.

      E sì, io faccio affidamento sul “metodo scientifico”, dammi una peer review che supporti le tue afermazioni e una catena di fonti affidabili e io ci credo. Fammi passare la cattiva fantascienza per verità rivelate e ti mando a…

      Rispondi

Rispondi a Leonardo Rubino Annulla risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.